Quali vantaggi economici ci saranno per la comunità?

Oltre 4 milioni di euro in 15 anni. Questa è una prima stima di massima sulla base delle norme vigenti delle potenzialità di questo processo. Le risorse deriveranno dalle razionalizzazioni, sinergie e semplificazioni della macchina amministrativa, dagli incentivi nazionali (2 milioni di Euro) e regionali (2 milioni di euro) e dalle riduzioni di costi della politica e di indennità di responsabilità di funzionari amministrativi (un solo segretario comunale, un solo revisore, ..). Oltre a questo il comune unico sarebbe esentato per tre anni dal “Patto di stabilità”, cioè la regola per cui, per contribuire al risanamento dei conti pubblici nazionali, ai comuni viene chiesto di incassare di più di quanto spendono e di tenere i soldi gia’ disponibili, fermi in banca. Inoltre per legge il nuovo comune avrebbe la precedenza sui bandi per i finanziamenti erogati dalla regione

La fusione dei comuni comportera’ il passaggio da 2 sindaci a 1, da 6 assessori a 3 .da 24 consiglieri a 10 e anche qui ci sarà un taglio dei costi della politica.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Comments are closed.