Perchè pensare alla fusione?

Le nostre amministrazioni da circa 10 anni lavorano insieme – prima tramite la Comunità Montana, dal 2009 in Unione dei comuni, con una esperienza positiva nella gestione dei servizi per le nostre comunita’ e di collaborazione tra le amministrazioni,e i dipendenti comunali, ma principalmente perche’ in questi anni stiamo assistendo a profonde trasformazioni normative e vincoli che interessano i comuni come i nostri,tra le piu’ importanti

- i continui tagli dei trasferimenti statali, minori risorse a disposizione anche a fronte della crisi

- introduzione del patto di stabilita’

- eliminazione o accorpamento delle province, legge regionale di riordino territoriale

- obbligo di gestione associata di tutte le funzioni fondamentali per i comuni sotto i 3000 abitanti entro il 2013

di fatto all’interno del nostro comune rimarranno soltanto, oltre alle attività di supporto istituzionale,la cultura,il turismo, lo sport,l’anagrafe e la gestione finanziaria per questi servizi , dunque ,una limitata autonomia gestionale

a questo punto ,la fusione si ripropone come un’opzione da considerare seriamente per semplificare il quadro istituzionale e i processi decisionali, ridurre i costi di struttura e migliorare l’efficienza, al fine rendere servizi migliori ai cittadini

Per questo la proposta di fusione è un salto di qualità, attraverso la costruzione di una casa comune che permetta di fare le scelte necessarie nei tempi giusti.

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Comments are closed.